Con le ali di un cigno nero di Alessio Rossi (Horti del Giano)

TITOLO:Con le ali di un cigno nero

AUTORE:Alessio Rossi

GENERE: Raccolta di poesie

DATA DI USCITA: 10/09/2021

PAGINE: 148

PREZZO:14.00

LINK PER ACQUISTARE: https://www.hortidigiano.com/pubblicazioni/

Quando l’improbabile scombussola la nostra vita
Il cigno ha sempre rappresentato un simbolo di purezza, saggezza e solitudine, mostrando
anche la capacità di interpretare i sogni, dando evidenza ad una evoluzione spirituale.
Nella raccolta d’esordio di poesie scritte da Alessio Rossi dal titolo “Con le ali di un cigno nero”, questo
animale rappresenta il punto d’incontro degli elementi: l’aria in cui vola, la terra su cui si posa, l’acqua in cui nuota, il fuoco sacro, mediante la luce interiore e l’armonia dello spirito umano. Edito dalla Casa Editrice Horti di Giano, la raccolta di poesia è disponibile dal 10 Settembre 2021 sul sito dell’editore
(www.hortidigiano.com), in tutti gli store online e nelle librerie.


“Negli Inferi
più duri della mente scivola
addosso lava d’emozioni
e prendo appunti,
lacrime di morte,
li scriverò
su fogli di dolore.
Tra le rovine umane del presente
scrivo in balìa dei venti della vita,
uso alle volte stille di speranza in alternanza
a sangue di ferita.
In Paradisi
d’estasi celeste
l’anima mia
si lascia cullare
tra divini canti
e qui trascrivo piano,
uso la piuma d’angelo
che ho in mano.”


Accompagnato dal cigno nero, simbolo metaforico di un evento raro, imprevedibile e inaspettato con un forte impatto sulla vita, Alessio Rossi con la sua poetica riesce a cogliere il senso del terreno tra le rovine umane del presente, in una sorta di Purgatorio della quotidianità, a cavallo tra due mondi estremi, guidandoci in un viaggio nell’inconscio che sfocia nell’evidente inevitabile.
Alessio Rossi è nato a Roma nel 1986. Scrive da diversi anni e, nonostante si sia dedicato per molto tempo alla poesia, si occupa ormai anche di fiabe, racconti e romanzi. Gli argomenti che tratta e ha trattato sono vari, dalla pura introspezione alla satira, dall’amore all’ironia, con particolare attenzione per l’animo umano nelle sue più ampie sfumature. Sognatore di natura, ma al contempo estremamente razionale, nei suoi testi spesso fantasia e speranza vanno a scontrarsi con una
visione della vita più rigida e pragmatica. Con il tempo, lo scontro è diventato collaborazione, trovando un equilibrio che gli permette di sfruttare l’amalgama in maniera costruttiva. È diplomato come tecnico dei servizi turistici e attualmente ha intrapreso un corso per ottenere la qualifica professionale di operatore sociosanitario. Appassionato di arti marziali, ha praticato karate tradizionale per circa otto anni e wing chun per due; ama leggere e vedere film, con una particolare predilezione per l’horror e il fantasy.


Edizioni Horti di Giano – http://www.hortidigiano.cominfo@hortidigiano.com

Immaginate l’oblio – Il macabro nel sud Italia di Marco Marra e Gerardo Spirito (Horti di Giano)

TITOLO: Immaginate l’oblio – Il macabro nel sud Italia

AUTORE:Marco Marra e Gerardo Spirito

GENERE: Horror/weird

DATA DI USCITA: 01/10/2021

PAGINE: 180

PREZZO: 15.00

LINK PER ACQUISTARE: https://www.hortidigiano.com/pubblicazioni/

Un abisso senza redenzione: Immaginate l’oblio
Dopo il grande successo del primo volume della trilogia de “Il macabro nel Sud
Italia”, dal quale il regista Ivan Zuccon sta per realizzarne un film,
arriva un nuovo viaggio nel folklore del meridione nostrano.
Immaginate l’oblio è la nuova raccolta di racconti scritta a quattro mani da Marco Marra e
Gerardo Spirito, autori del Bestseller Amazon Racconti sull’innominabile. Il macabro nel Sud
Italia edito dalla Casa Editrice Horti di Giano. Disponibile dal 1 Ottobre 2021 sul sito
dell’editore (www.hortidigiano.com), in tutti gli store online e nelle librerie ed eccezionalmente
presentato in anteprima il 26 Settembre 2021 dalle ore 12:00 alle ore 15:00 alla Fiera di Roma
nella manifestazione “Abilmente – Il Salone delle Idee Creative” Ingresso Est – Padiglione 1 –
Stand 123.
“Le storie di “Immaginate l’oblio” sono radicate in territori
feroci e infetti, tetri e arcaici, pregni di superstizione e
tradizioni pagane. Caprai, santoni, coltivatori, cenciaioli,
proprietari di bische, mezzadri, calderai, minatori.
Individui corrotti da fedi disturbanti che si muovono su
una terra infestata di boschi morti, montagne sacre e
paesini isolati ed estranei, in certi casi, allo scorrere
tempo. Una natura profondamente oscura che recide
senza pietà il colossale castello di menzogna che l’uomo
si è costruito per esorcizzare la morte.”
Questi sono solo alcuni degli elementi che impregnano i racconti che compongono questa
raccolta. Sette storie, più due interludi, che spingono verso un abisso senza possibilità di
redenzione.
Copertina di Riccardo D’Ariano.
Gerardo Spirito, classe 1992, è nato a Napoli dove vive. Dopo la maturità classica consegue la
laurea in Economia presso l’Università Federico II di Napoli. Vorace lettore, scrive racconti dai tempi
del liceo. Ha pubblicato insieme a Marco Marra l’antologia Racconti sull’innominabile. Il macabro
nel Sud Italia ed è l’autore delle storie del graphic novel Gotico italiano Vol. 2 – Adorazione, uscito a
maggio 2021 per Horti di Giano.
Marco Marra, classe 1989, è nato e cresciuto a Napoli. Ha conseguito la laurea magistrale in
Comunicazione presso l’Università degli studi Suor Orsola Benincasa, con una tesi sull’impatto del web
sul mercato dei fumetti. Ha nel cassetto anche un master di II livello in Management del turismo e dei
beni culturali. Appassionato sin da piccolo di letteratura, cinema e teatro, divora libri su libri. È un
cultore della letteratura weird di Lovecraft e Smith ma tra i suoi scrittori preferiti si annoverano anche
maestri come Carver, McCarthy e Murakami. Ha pubblicato nel 2020 l’antologia Racconti
sull’innominabile. Il macabro nel Sud Italia, edita da Horti di Giano e scritta insieme a Gerardo
Spirito. Ad agosto 2021 è uscito Gotico Italiano Vol. 3 – Lo squarcio nel cielo che rappresenta la sua
prima esperienza con un romanzo grafico.
Edizioni Horti di Giano – http://www.hortidigiano.cominfo@hortidigiano.com

Ficana – L’ultimo Banchetto di Michele Mattei (Horti di Giano)

TITOLO: Ficana – L’ultimo banchetto

AUTORE: Michele Mattei

GENERE: Romanzo Storico

DATA DI USCITA: 21/06/2021

PAGINE: 158

PREZZO: 15.00

LINK PER ACQUISTARE: https://www.amazon.it/Ficana-Lultimo-banchetto-Michele-Mattei/dp/B096TJMRTF/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=ficana&qid=1624177034&sr=8-1

L’Atlantide romana
La città di Atlantide è leggenda, ma Ficana no: La città romana sembrava non aver lasciato tracce,
ma grazie all’archeologo Michele Mattei possiamo conoscere ciò che rischiava di rimanere
celato all’umanità per sempre, attraverso una storia di vita emersa dal passato.
Ficana – L’ultimo banchetto è il titolo del romanzo d’esordio di Michele Mattei, archeologo e
ricercatore laureato all’Università della Sapienza di Roma. Il libro, edito dalla Casa Editrice Horti
di Giano, narra la storia di Ficana, una città collocata sulla sponda sinistra del fiume Tevere, che
scomparve senza lasciare traccia. O almeno così sembrava.
Disponibile dal 21 giugno 2021 sul sito dell’editore (www.hortidigiano.com), in tutti gli store
online e nelle librerie.
“La storia a volte non lascia traccia visibile. Questo è il caso di
Ficana, celata per secoli ad occhio umano. La città è tutt’ora
incastonata nella Terra Madre che la protegge e la custodisce
gelosamente nelle sue braccia. Questo romanzo storico conduce le
emozioni di chi lo legge nell’ultimo ventennio del VII secolo a.C.,
noto come periodo Orientalizzante recente, e racconta la vita di un
popolo latino che si è trovato sulla via della conquista del mare da
parte del re Anco Marzio. Un libro che parla di vita vissuta, di
emozioni, di ricordi, narra di un’epoca, ormai andata, attraverso
gli occhi di Priscos e Larthia, questi due personaggi distanti da noi,
eppure così vicini e tangibili. Questo lo dobbiamo a Michele Mattei
che, con la dovizia dell’archeologo e la fantasiosa passione dello
scrittore, ha saputo fondere conoscenza e immaginazione, dando
così la possibilità a tutti di poter assorbire il vivere dei ficanesi per
quello che era e che, grazie a lui, sarà per sempre.”


Un romanzo storico che ci guida nella scoperta di una città semisconosciuta, la cui storia è composta da ipotesi più che da certezze. Di quella realtà ci sono oggi solo poche testimonianze, pezzi di oggetti un tempo vivi, ma ancora carichi della memoria di ciò che fu. Una storia che deve essere raccontata, perché in quei frammenti, in quei ritrovamenti ci siamo noi. Tutti noi.
Michele Mattei nasce a Roma il 29 gennaio del 1986. Trascorre la sua infanzia e adolescenza nel quartiere di Dragona (periferia sud di Roma) e consegue la maturità scientifica presso il Liceo Labriola. La passione per le lingue straniere lo porterà a iscriversi, presso l’università di RomaTre, alla stessa facoltà di lingue. Studia un anno all’Università di Borgogna, a Digione, nel quadro del progetto Erasmus. Membro del consiglio studentesco, conseguirà la laurea con lode con una tesi sul surrealismo nella letteratura francese. Dopo alcune esperienze di lavoro intense e diversificate, torna in Francia per tre anni dove lavora e prosegue gli studi letterari. Folgorato da una passione per l’archeologia protostorica e arcaica, rientra in Italia e consegue presso La Sapienza una seconda laurea in scienze archeologiche, con una tesi su Ficana, contesto sul quale continua
tuttora a lavorare. Scava la villa A di Dragona, Ostia Antica e l’antica città di Veio e partecipa a numerosi seminari e laboratori sullo scavo e sulla ceramica antica. Attivo sul suo territorio, organizza seminari sulla città arcaica facendola conoscere alla popolazione. Collabora con molte realtà associative del territorio e con il museo di Anzio, città con la quale sviluppa un’affinità molto forte. Apogeo di questa attività divulgativa è il progetto “Ficana: scopriamo un’antica città” realizzato con tre scuole del territorio e più di cento ragazzi partecipanti. Un’esperienza che lo vede docente e referente scientifico e che culmina con un’interessantissima mostra organizzata dai ragazzi. Consegue inoltre l’abilitazione alla professione di guida turistica, lavoro principale che tuttora esercita e che ama molto. La passione per la narrazione orale e per la scrittura, sempre presenti in lui, lo spingono alla stesura del romanzo “Ficana: l’ultimo banchetto”, una sorta di sigillo personale ma per la comunità, testimone del suo amore per l’antica città latina e per quelli che definisce “i nostri antenati”.


Edizioni Horti di Giano – http://www.hortidigiano.cominfo@hortidigiano.com – @edizioni.hortidigiano

Ritorno a Barastiria di Viviana Maria Nobile ( Horti di Giano)

TITOLO: Ritorno a Barastiria

AUTORE: Viviana Maria Nobile (IG: @viviana_maria_nobile   https://www.instagram.com/p/CPLwANUg6ip/)

GENERE: Fantasy

DATA DI USCITA: 21/05/2021

PAGINE: 191

PREZZO: 15.00

ESTRATTI:

1.
“Gli abitanti erano nati insieme alle radici degli alberi, dalle acque di quei fiumi celesti, dal sale di quei mari. Figli che possedevano dentro di loro energia proveniente dalla dimensione stessa, portatori di poteri e abilità inimmaginabili.”
2.“In un lampo il mio corpo fu scomposto in un milione di particelle, le quali si mossero alla velocità della luce per un tempo che sembrò interminabile. Viaggiai attraverso il cosmo infinito, sfiorai i suoi corpi celesti, le sue stelle, la mia essenza scivolava tra le ere solcando i mari cosmici. Poco alla volta, durante quella traversata, presi coscienza di tutto ciò che mi era accaduto, buttandolo alle spalle, lasciando con me quelle figure che erano state i pilastri delle mie vecchie certezze.”
3.“[…] doveva essere proprio così, come la sognavo ogni notte: il cielo blu cobalto, macchiato da tante piccole stelle disposte su un morbido manto indigo. Attaccate l’una all’altra, formavano delle linee rette parallele che giravano tutto attorno, come volte di quella magica terra.Sognavo di stare coi piedi nel morbido e umido terreno, di provare un piacevole solletico causato dall’erba scossa dal passaggio dei venti che provenivano dal mistico Monte Uro. Lo sguardo soleva perdersi tra i passi delle imponenti montagne che, solitarie, vegliavano sui figli di quella terra. Gli abitanti erano nati insieme alle radici degli alberi, dalle acque di quei fiumi celesti, dal sale di quei mari. Figli che possedevano dentro di loro energia proveniente dalla dimensione stessa, portatori di poteri e abilità inimmaginabili. Entità sovrannaturali, tanto potenti nella forza quanto umili e magnanime nello spirito. La loro parola corrispondeva a verità e il loro cuore propendeva per la giustizia. Tenaci e impavidi, trasformavano la paura di morire nel coraggio di continuare a lottare per difendere le creature più deboli e bisognose. Con le loro armi sedavano l’odio e sconfiggevano i malvagi. Uomini? Alieni? No. Dei.”

“Mi sentivo divisa tra un passato in cui ero stata una figlia umana e serena, e un futuro, il quale appariva ambiguo, oscuro. Di una cosa ero certa: in quel futuro prossimo, non sarei più stata la stessa.”


Ritorno a Barastiria è il titolo del nuovo libro edito dalla Casa Editrice Horti di Giano. Nato dalla penna di Viviana Maria Nobile, questo testo racconta la storia di Sora, una giovane orfana terrestre che, a seguito di un evento molto doloroso, decide di intraprendere un viaggio per conoscere meglio se stessa e la sua storia.
Disponibile dal 21 Maggio 2021 sul sito dell’editore (www.hortidigiano.com), in tutti
gli store online e nelle librerie.
“Una storia a cavallo tra due mondi. Le città della Terra sono state da tempo colonizzate dai Gofra, un popolo ibrido formatosi dall’unione tra terrestri e Faeliti, quest’ultimi provenienti da una dimensione spaziale lontana: Barastiria.
Sora è una giovane orfana terrestre cresciuta come una guerriera, a Torino, da un’amorevole famiglia Gofra che le ha insegnato i sani valori della vita. Ma la pace non è di casa e presto un evento porterà la ragazza a crescere rapidamente, dovendo affrontare un viaggio interstellare
per scoprire le sue origini.
Viviana Maria Nobile ha magistralmente plasmato un personaggio umano nei modi quanto ricco di risorse interiori, che dovrà però scoprire e comprendere passo dopo passo, colpo dopo colpo. Il senso di una vita sa essere terribile quanto arricchente e profondo sul piano delle emozioni: bisogna saper scindere.”
Ritorno a Barastiria, nella fusione tra fantascienza e fantasy, racconta con una scrittura coinvolgente e dallo stile cinematografico, una storia di crescita e di cambiamento che porterà la protagonista a fare delle scelte difficili ma necessarie.
Ritorno a Barastiria avvince e convince: non resta altro, allora, che lasciarsi
trasportare dagli eventi.

Viviana Maria Nobile


Viviana Maria Nobile è nata il 27 Agosto del 1994 a Siracusa. Attualmente studia
Giurisprudenza, collabora con giornali on-line e si occupa della sua casa editrice Strige
Edizioni insieme alla scrittrice Giovanna Strano. Possiede un titolo di maturità scientifica,
sta studiando per conseguire il secondo diploma di Istituto Tecnico settore moda. Questo è
il suo romanzo d’esordio, pubblicato con la Horti di Giano. “Mangiatrice” costante di fantasy,
young adult, distopici, storici, narrativa generale e saggi. Affina e modella il suo stilema
leggendo e studiando i classici e la letteratura straniera.
Adora i conigli.
Edizioni Horti di Giano – http://www.hortidigiano.cominfo@hortidigiano.com – @edizioni.hortidigiano

Chiamatemi Romeo di Annalisa Gimmi (Horti di Giano)

Se dovessimo cercare un animale che ha accompagnato la storia dell’uomo come una sentinella silenziosa e discreta, non potremmo che pensare al gatto. Animale molto particolare, speciale, non è un caso se è stato dichiarato ufficialmente “cittadino romano”. Perché ci sono sempre stati, i gatti, amati o odiati, a seconda dei periodi. Torre Argentina a Roma è divenuto il luogo simbolo per loro, tanto da trovare informazioni in merito anche sulle guide turistiche. Diciassette racconti piacevoli e divertenti, legati tra loro, che percorrono la storia di Roma nel bene e nel male, con i suoi imperatori, papi, santi ed eretici, e poi pittori, musicisti, attori, letterati e sportivi. Un viaggio nelle emozioni condensate nello sguardo e nei “pensieri” di questo attore che vi guarderà in silenzio dicendovi tutto, per raccontarvi la storia di Roma dal suo punto di vista. Se poi gli chiederete: «Come ti chiami, bel micione?», probabilmente lo sentirete miagolare per rispondervi: «Chiamatemi Romeo!»

Recensione

Oggi voglio parlarvi del libro: “Chiamatemi Romeo” di Annalisa Gimmi. Una storia semplice e scorrevole, adatta a tutte le età.

Il gatto è il protagonista indiscusso del libro, attraverso i suoi occhi e le sue emozioni, vi narrerà i diciassette racconti che percorrono la storia di Roma. Nella capitale italiana questo animale è un vero e proprio “cittadino romano”.

Una lettura davvero interessante, soprattutto per me che sono un’amante dei gatti. A casa mia vivono pacificamente ben tre micioni e uno di loro è un gattone rosso con la coda spezzata sulla punta: una particolarità che ho riscontrato anche nei vari protagonisti del libro e mi ha fatto particolarmente piacere.

I racconti sono ben impostati, la parte storica è descritta in maniera semplice e abbastanza curata.

Lo consiglio!

Stelle ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️


Dettagli prodotto Cartaceo: 14.50 euro

  • ASIN : B08T4DGKCN
  • Editore : Horti di Giano (17 gennaio 2021)
  • Lingua : Italiano
  • Copertina flessibile : 176 pagine
  • ISBN-13 : 979-1280144126
  • Peso articolo : 249 g
  • Dimensioni : 12.85 x 1.12 x 19.84 cm

Il filo dell’eterno ritorno di Simone del Fiore (Edizioni Horti di Giano)

ESTRATTI:
1.
“Avevo pensato a quel momento per tutto il giorno precedente, ma non avevo ancora deciso cosa dire e cosa fare. Non avevo nemmeno stabilito come mi sarei dovuto presentare. In cuor mio credevo, e speravo, che sarebbe risultato naturale, anche da parte sua. Un’attrazione spontanea di due anime gemelle. Dopotutto eravamo stati insieme per sedici anni, e non sapevo se solo io ne conservavo il ricordo. Per un attimo valutai la remota possibilità che anche lei stesse cercando me.”
2.
“Mi sentivo in mezzo, ma non tra la vita e la morte, piuttosto tra due realtà parallele che non volevano in alcun modo staccarsi da me. O meglio: una cercava di trascinarmi verso di lei, mentre io provavo ad avvicinarmi all’altra. Avevo fatto la mia scelta, avevo deciso dove volevo vivere, prendendo consapevolezza di quale delle due custodisse il vero me, ma non mi era permesso scegliere.”
3.
“Quando la guardo, di certo non vedo in lei una sconosciuta, ma non avrei mai pensato che sarei arrivato a tanto pur di averla. Non mi pento di quello che ho fatto, sono stato egoista, ne sono consapevole, ma lo rifarei lo stesso, altre cento volte o anche di più, qualora fosse necessario. Mi avvicino al tavolo a piccoli passi e, una volta raccolta la mia macchina fotografica esco fuori, in terrazza, mentre mi sento intrappolato in una serie di azioni che hanno il sapore del solito déjà-vu.Lei mi aspetta lì, in un angolo, con un sorriso forzato stampato in faccia. È immobile, a tratti impassibile, e io mi diverto a fingere che non sia così. Impugno la macchina fotografica e le scatto una foto, per l’ennesima volta. Non me ne pento, sono sicuro che chiunque avrebbe fatto la stessa identica cosa al mio posto.”

TITOLO: Il filo dell’eterno ritorno

AUTORE: Simone del Fiore

GENERE: Thriller

DATA DI USCITA: 16/04/2021

PAGINE: 184

PREZZO: 15,60

A seguito di un incidente in moto Abel finisce in coma per poco più di tre ore, durante le quali sogna sedici anni di un’altra vita. Nonostante abbia vissuto ogni singolo momento con la sua nuova famiglia, al risveglio si rende conto che nulla di ciò che aveva vissuto era reale. Ciò che lo sconvolge più di tutto è uno strano filo rosso legato al mignolo della sua mano, che solo lui vede e che non riesce a togliere. Questo sembra non avere fine ma ha paura di scoprire dove conduca. Quando si convince di essere impazzito, dopo quasi un anno di terapia per liberarsi del ricordo di una moglie e due figli mai avuti, accade l’inatteso. A pochi giorni dal primo anniversario dell’incidente, incontra una ragazza identica alla donna che ha sposato nella vita parallela e l’assurdo gli sembra divenire possibile.

Dark Wings di Krisha Wings (Horti di Giano)

“Anche quando ti ho visto piangere, quell’unica volta, ho fatto finta di non accorgermene, perché altrimenti non ti saresti mai perdonato di aver ceduto alla debolezza. Cerco di sorridere, per nascondere il mio dolore nel vederti così, ma, per quanto mi sforzi, riesco soltanto a tendere le labbra in un ghigno; ciò che vedo nel tuo sguardo è la sorpresa, il dubbio, il rimprovero. Perché mi trovo qui? È ciò che i tuoi occhi mi chiedono. La risposta, forse, è più semplice di quanto tu possa credere: sono qui per te, naturalmente. Perché voglio che tu stia bene, voglio che nessuno possa più torturare le tue ali col fuoco o colpire il tuo viso fino a farti sanguinare. Sto rischiando la mia vita. Per te.”
“Invece ero riuscita soltanto ad artigliare l’aria.L’avevo visto cadere per diversi metri come un corpo inanimato e poi, a un tratto, cominciare a battere le ali in un volo scomposto che gli aveva consentito di risalire dopo un tempo che a me era sembrato eterno. […] Io invece ero rimasta piegata in due, aggrappata al parapetto, lacerata dal dolore e dai sensi di colpa. Le lacrime che scorrevano in un pianto irrefrenabile.”

TITOLO: Dark Wings

AUTRICE: Krisha Skies

GENERE: Fantasy

DATA DI USCITA: 5 Marzo 2021

PAGINE: 551

PREZZO: 22.00 

LINK PER ACQUISTARE: https://tinyurl.com/y5h6ehdd

OFFERTA:Se i lettori volessero un segnalibro con dedica e firma da parte dell’autrice, non dovranno fare altro che scrivere all’indirizzo info@hortidigiano.com chiedendo una copia del libro con segnalibro.
IMPORTANTE: Per avere il segnalibro, NON DOVRANNO COMPRARE NEGLI STORE ONLINE, MA SCRIVERCI UNA MAIL.

La forza di Lyan oltre il pregiudizio
“Perché mi trovo qui? È ciò che i tuoi occhi mi chiedono.
La risposta, forse, è più semplice di quanto tu possa credere: sono qui per te, naturalmente. Perché voglio che tu stia bene, voglio che nessuno possa più torturare le tue ali col fuoco o colpire il tuo viso fino a farti sanguinare.
Sto rischiando la mia vita. Per te.”
Dark Wings è il titolo del romanzo di Krisha Skies, autrice che ha riscosso molto successo tra gli utenti di wattpad.com e non solo. Per questo entra di diritto tra le pubblicazioni della Casa Editrice Horti di Giano. Il volume, che dà inizio al Ciclo delle Ali Oscure, ha scalato per ben due volte le classifiche della piattaforma Wattpad, vincendo vari riconoscimenti e raggiungendo le 300.000 letture. Il testo sarà disponibile dal 5 Marzo 2021 sul sito dell’editore (www.hortidigiano.com), in tutti gli store online e nelle librerie.
“Precaria è la pace che da una ventina d’anni perdura tra la Repubblica di Azra, terra della Gente Alata, e le città-stato della federazione del Patto Meridionale, abitate da esseri umani. La giovane universitaria Lyan Alba decide di trasferirsi
nella Città Bianca, capitale di Azra, dove vive già suo padre, interprete presso l’ambasciata.
Scopre presto a sue spese, tuttavia, che laggiù la vita per i pochi esseri umani presenti non è affatto facile. Due
culture così diverse difficilmente possono coesistere.
Le discriminazioni razziali e un conflitto nelle vicine terre dei coloni umani gettano un’ombra sulla permanenza di
Lyan, che però è intenzionata a restare. Lei è lì per rintracciare un giovane Alato, conosciuto anni
prima, rimasto nel suo cuore. Ma un’altra ingombrante presenza turba le sue emozioni, nonostante i pregiudizi.
Sentimenti contrastanti, condizionati dal destino, la porranno di fronte a una scelta che, malgrado le
apparenze, si rivelerà la più difficile della sua vita: volare o cadere…”
Un fantasy coinvolgente, ricco di suspense e dal ritmo serrato che tratta anche argomenti molto attuali, come la discriminazione, il razzismo… e il femminismo. Dark Wings è un romanzo che rapisce sin dalle prime pagine e la protagonista Lyan, con la sua forza e costanza, riesce a dimostrarci ancora una volta che le donne sono più forti di quanto alcune credono. Un libro che sa toccare i tasti per aprire la mente.
Krisha Skies è un’autrice italiana, dedita alla scrittura fin da giovanissima. Laureata in Lettere moderne, specializzata in studi filologici, accanto alla passione per i libri coltiva da sempre un amore smisurato per i viaggi e per le culture straniere, che la incuriosiscono e le donano frequenti spunti per le sue storie. Tra un lavoro che adora e una famiglia impegnativa, sfrutta ogni ritaglio di tempo per creare mondi fantastici in cui potersi perdere di tanto in tanto.


Edizioni Horti di Giano – http://www.hortidigiano.cominfo@hortidigiano.com – – @edizioni.hortidigiano

Blood Red Paint di Roberto Monti (Horti di Giano)

Tap Town non dorme mai sonni tranquilli. Il detective Thomas Hardy deve indagare sul caso dei writers, teppisti armati di bomboletta spray che imbrattano ogni superficie della città del crimine. Per Hardy sembra quasi una punizione essere stato relegato su un caso di secondo piano, ma altri crimini si intrecciano al suo caso e lui, indirettamente, riesce a incrociare le indagini a suo piacimento. Così la Street Art costantemente sul confine tra arte e vandalismo, diviene il centro di tutto in una cupa metropoli dell’illegalità, in cui ogni abitante ha sempre un proiettile col suo nome scritto sopra. Dall’autore di Blue Room Hotel, il secondo capitolo della serie noir “I Delitti di Tap Town”, che sta conquistando i lettori del genere poliziesco per quel suo stile diretto e senza mezze misure che lo contraddistingue.

Recensione

Oggi voglio parlarvi del libro “Blood Red Paint” di Roberto Monti. Un romanzo scorrevole, ben impostato e di facile lettura. Io sono un’amante del genere thriller/giallo e reputo questo libro davvero molto bello. Quello che più mi ha colpito sono i personaggi: l’autore riesce a dargli vita, a renderli reali e carismatici.

Blood Red Paint è la continuazione del libro “Blue Room Hotel”, anche se i due romanzi non sono strettamente correlati, consiglio di leggerli in sequenza per comprendere meglio la storia.

Il detective Hardy deve indagare su dei Writers che imbrattano i muri (e non solo!) della città di Tap Town. Purtroppo, il poliziotto si troverà confrontato con dei omicidi e altri crimini direttamente legati alla sua indagine.

Apprezzo moltissimo lo stile di scrittura di Roberto Monti. Entrambi i suoi libri sono scritti in maniera fluida e coinvolgente. I temi trattati sono veritieri e riscontrabili anche nella nostra società.

Devo ammettere che apprezzo particolarmente la casa editrice Horti di Giano; tutti i libri pubblicati sono delle opere di alta qualità.

Stelle ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

Roberto Monti

Roberto Monti nasce a Voghera ma vive a Pavia. Classe ’83, nel 2002 vince alcuni concorsi letterari
e ottiene la pubblicazione dei suoi racconti su alcune antologie.
Crea l’universo narrativo La Casa di Bob, intraprendendo un viaggio che lo condurrà a far conoscenza
con molti bambini nelle scuole nel ruolo di Cantastorie, dando anche vita al Blog Papà in Fasce, dove
racconta la scoperta di quella che ha chiamato “Paposità”.
Nel 2019 esce il suo primo romanzo noir Blue Room Hotel (Edizioni Horti di Giano), dopo il quale
ha preso il via la collaborazione con la casa editrice per realizzare anche un graphic novel incentrato
sulle atmosfere noir di Tap Town, che uscirà nel 2021

Home – Edizioni Horti di Giano


Dettagli prodotto Cartaceo 15 euro

  • ASIN : B08P3VKVQB
  • Editore : Horti di Giano; Illustrated – Unabridged edizione (29 novembre 2020)
  • Lingua : Italiano
  • Copertina flessibile : 192 pagine
  • ISBN-13 : 979-1280144072
  • Peso articolo : 268 g
  • Dimensioni : 12.85 x 1.22 x 19.84 cm

Gotico Italiano – Il vizio di Uccidere (Horti di Giano)

Se il fumetto si fonde al racconto nero, nasce “Gotico Italiano”
Un format innovativo che intreccia graphic novel e racconto nella stessa opera, in cui l’autore delle due vicende è lo stesso che ha realizzato la storia trasformata poi in sceneggiatura per il fumetto.
Gotico Italiano, edito dalle Edizioni Horti di Giano, è un Albo che vuole creare un ponte tra quelle
che sono le tradizioni culturali e folkloristiche della nostra splendida Italia, evidenziando un passato
che non dobbiamo mai dimenticare e l’attualità che emerge in chiave moderna, tangibile.
Il primo numero è disponibile dal 2 Febbraio 2021 sul sito dell’editore (www.hortidigiano.com),
in tutti gli store online, nelle librerie e nelle edicole.
Gotico Italiano sarà cadenzato in quattro uscite annuali, che cadranno in giorni particolari, legati all’aspetto misterico che ben si affianca e abbraccia la dimensione gotica.
Il primo numero uscirà il 2 febbraio, data che corrisponde alla nostra Candelora, la festa di fine inverno che, a cavallo tra il primo e il secondo giorno di febbraio, segna l’arrivo della primavera:
“Per la Santa Candelora, dall’inverno semo fora, ma se piove e tira
vento, dell’inverno semo drento!”
In questa prima uscita, che prende il nome Il vizio di uccidere, ci sarà un affascinante viaggio in un borgo fantastico, Rocca Piscopo, i cui edifici sono stati realizzati ispirandosi ai Sassi di Matera e a
Fossanova, con la sua splendida Abbazia gotica.
In particolare, riporteremo alla luce la figura del boia, un mestiere inquietante quanto carico di
suggestioni nere. Il boia che proponiamo in questo numero, prende il nome di Gioacchino De
Meo, che rappresenta l’essenza stessa del male e che si ricollega, nella storia, al famoso Mastro Titta
che, nella sua lunga e “prolifica” carriera, giustiziò più di cinquecento persone.
In tutti i volumi di Gotico Italiano, si parlerà anche di storie che contengono tematiche sociali
importanti.
Il racconto che si intitola Ritratto di donna sfregiata, ha un forte messaggio contro un problema
attuale e da non sottovalutare: la violenza di genere, ovvero quella violenza che racchiude tutte le
violenze che si fondano sulla differenza sociale tra uomo e donna.
Le Edizioni Horti di Giano intendono così lanciare un forte e sentito NO ALLA VIOLENZA SULLE
DONNE (e No alla violenza in generale), inserendo il logo della mano in ogni numero dell’Albo.
Sotto la supervisione del Direttore editoriale Simone Colaiacomo, il primo numero di Gotico
italiano è stato scritto da Salvatore Napoli e disegnato da Vincenzo Odore.
Gotico Italiano – Il vizio di uccidere è un graphic novel italiano, per gli amanti del fumetto e
per chi vorrebbe avvicinarsi a tale forma d’arte, accompagnandosi a una interessante lettura.
Horti di Giano vuole invitare i lettori a conoscere e visitare i gioielli urbani custoditi nel nostro
paese. La scelta è stata quella di rivalorizzare la bellezza della nostra Italia, con il patrimonio unico e
spettacolare che i nostri borghi, sempre più abbandonati e dimenticati, custodiscono.

CAMPAGNA ABBONAMENTI: abbonandoti a Gotico italiano entro e non oltre il 2 febbraio 2021, riceverai 4 numeri con sconto del 20%. Vai nel menu Contatti del nostro sito (www.hortidigiano.com) e scrivici nel modulo “Contatti”, indicando “Abbonamento annuale a Gotico italiano” e ti ricontatteremo per le modalità da seguire. 


Edizioni Horti di Giano – http://www.hortidigiano.cominfo@hortidigiano.com

8 Personaggi Per Aspera ad Astra di Federico Barbieri (Horti di Giano)

ESTRATTI: 


“Poteva essere chiunque, poteva aver preso il treno, perso la coincidenza e chiesto un passaggio. poteva aver fatto l’autostop addirittura.”


“Ero come in catalessi, ero totalmente sconvolto da non riuscire ad avere alcuna reazione. Lei era l’ultima persona che avrei pensato di trovare lì.


“Cercava invece una persona in grado di potersi esibire con qualsiasi tipo di animale acquatico, e con loro fare qualcosa che nessuno aveva mai osato fare prima.
Mi chiese se me la sentivo di affrotare una sfida del genere e naturalmente accettai, nonostante sul momento non avessi la benché minima idea di dove tale decisione mi avrebbe condotto.”

Attraverso le difficoltà fino alle stelle
Abbiamo conosciuto la fase della giovinezza.


Non ci resta che addentrarci in questa nuova storia, l’antitesi, che prende il nome di “maturità”.
Per aspera ad astra è il secondo capitolo della trilogia 8 Personaggi, nata dalla penna di Federico
Barbieri. Il romanzo di formazione il cui titolo tradotto dal latino significa “Attraverso le asperità
sino alle stelle”, racconta proprio le difficoltà che si celano nella crescita, ovvero nel passaggio dalla
giovinezza, raccontata da Paolo e Irene in C.R.E.P.P., primo volume della trilogia, alla maturità.
Il testo, edito dalle Edizioni Horti di Giano, sarà disponibile dal 15 gennaio 2021 sul sito
dell’editore (www.hortidigiano.com), in tutti gli store online e nelle librerie.
Attraverso differenti periodi della vita dei nostri protagonisti, si affrontano le dinamiche irreversibili che il tempo impone, nel suo inesorabile scorrere, su ogni persona.
Dopo aver conosciuto la tesi in “C.R.E.P.P.”, ora l’approccio filosofico che abbraccia questo romanzo si immerge nella seconda fase, l’antitesi, che, a modo suo, cerca di distruggere tutto quello che ciò che la ha preceduta ha faticosamente costruito. Ma non sempre l’antitesi confuta, a volte serve a dare
le conferme cercate.
Attraverso le vicende di Chiara e Roberto, fidanzati la cui esistenza si intreccia con altre vite che ne condizioneranno i destini, si potrà comprendere, forse, il segreto racchiuso nel mistero della vita. Siamo nella maturità, periodo in cui si dovrebbe compiere ciò per cui siamo destinati. Ma l’ordine
precostruito a volte lo si può modellare e adattare, rendendolo personale. Gli amori condizionano le scelte e la razionalità si presenta solo dopo, o tarda inesorabilmente, lasciando spazio al
solo istinto. Annibale è ancora la voce narrante che in vecchiaia raccoglie i ricordi degli amici, ritrovati in alcune lettere.
Per aspera ad astra è un romanzo di formazione adatto ai lettori che amano mettersi in gioco, riflettere sulla società e su se stessi. È un romanzo dalle tinte gialle che emoziona, commuove, devasta e ricostruisce, lasciando alla fine il suo segno indelebile.
Perché è proprio attraverso quelle difficoltà, quelle indesiderate crisi che, alla fine, maturiamo davvero.

Federico Barbieri

Federico Barbieri nasce a Spoleto (PG), si avvicina al mondo delle percussioni grazie al maestro
Mauro Presazzi, che lo fa debuttare con l’orchestra Filarmonica di Belfiore nei Carmina
Burana. Nel 2000, viene scelto come batterista per suonare alla Giornata Mondiale della
Gioventù; diviene insegnante e direttore dei tamburini della città di Spoleto. Come batterista
cambia diversi gruppi, fino ad approdare ai Vieux Carré, gruppo progressive italiano entrando con
l’album Eteronimie (2012) nel “Prog Archivies” tra i migliori 10 dischi d’Italia e tra i migliori 100
d’Europa di quell’anno. I Vieux Carré hanno suonato al Festival dei Due Mondi di Spoleto, e
hanno fatto da gruppo spalla a Caparezza. Collabora con molti artisti nell’ambito musicale ed
attualmente è il batterista della rock band Music Mood. È stato funzionario commerciale per la
Farago Sas, Agenzia della Toscana, Umbria e Liguria per l’Istituto della Enciclopedia Italiana e
responsabile per la casa editrice Vallecchi, storica casa del futurismo Italiano.
Pubblica il romanzo Storia di un incontro nel 2015 e 8 personaggi: C.R.E.P.P. a maggio 2020.
È direttore artistico dello spettacolo teatrale “La musica nel sangue” giunto alla sua IV edizione.


Dettagli prodotto Cartaceo: 12.86 euro

  • ASIN : B08S2YYBT2
  • Editore : Horti di Giano (4 gennaio 2021)
  • Lingua: : Italiano
  • Copertina flessibile : 230 pagine
  • ISBN-13 : 979-1280144119
  • Peso articolo : 408 g
  • Dimensioni : 15.24 x 1.47 x 22.86 cm