Blood Red Paint di Roberto Monti (Horti di Giano)

Tap Town non dorme mai sonni tranquilli. Il detective Thomas Hardy deve indagare sul caso dei writers, teppisti armati di bomboletta spray che imbrattano ogni superficie della città del crimine. Per Hardy sembra quasi una punizione essere stato relegato su un caso di secondo piano, ma altri crimini si intrecciano al suo caso e lui, indirettamente, riesce a incrociare le indagini a suo piacimento. Così la Street Art costantemente sul confine tra arte e vandalismo, diviene il centro di tutto in una cupa metropoli dell’illegalità, in cui ogni abitante ha sempre un proiettile col suo nome scritto sopra. Dall’autore di Blue Room Hotel, il secondo capitolo della serie noir “I Delitti di Tap Town”, che sta conquistando i lettori del genere poliziesco per quel suo stile diretto e senza mezze misure che lo contraddistingue.

Recensione

Oggi voglio parlarvi del libro “Blood Red Paint” di Roberto Monti. Un romanzo scorrevole, ben impostato e di facile lettura. Io sono un’amante del genere thriller/giallo e reputo questo libro davvero molto bello. Quello che più mi ha colpito sono i personaggi: l’autore riesce a dargli vita, a renderli reali e carismatici.

Blood Red Paint è la continuazione del libro “Blue Room Hotel”, anche se i due romanzi non sono strettamente correlati, consiglio di leggerli in sequenza per comprendere meglio la storia.

Il detective Hardy deve indagare su dei Writers che imbrattano i muri (e non solo!) della città di Tap Town. Purtroppo, il poliziotto si troverà confrontato con dei omicidi e altri crimini direttamente legati alla sua indagine.

Apprezzo moltissimo lo stile di scrittura di Roberto Monti. Entrambi i suoi libri sono scritti in maniera fluida e coinvolgente. I temi trattati sono veritieri e riscontrabili anche nella nostra società.

Devo ammettere che apprezzo particolarmente la casa editrice Horti di Giano; tutti i libri pubblicati sono delle opere di alta qualità.

Stelle ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

Roberto Monti

Roberto Monti nasce a Voghera ma vive a Pavia. Classe ’83, nel 2002 vince alcuni concorsi letterari
e ottiene la pubblicazione dei suoi racconti su alcune antologie.
Crea l’universo narrativo La Casa di Bob, intraprendendo un viaggio che lo condurrà a far conoscenza
con molti bambini nelle scuole nel ruolo di Cantastorie, dando anche vita al Blog Papà in Fasce, dove
racconta la scoperta di quella che ha chiamato “Paposità”.
Nel 2019 esce il suo primo romanzo noir Blue Room Hotel (Edizioni Horti di Giano), dopo il quale
ha preso il via la collaborazione con la casa editrice per realizzare anche un graphic novel incentrato
sulle atmosfere noir di Tap Town, che uscirà nel 2021

Home – Edizioni Horti di Giano


Dettagli prodotto Cartaceo 15 euro

  • ASIN : B08P3VKVQB
  • Editore : Horti di Giano; Illustrated – Unabridged edizione (29 novembre 2020)
  • Lingua : Italiano
  • Copertina flessibile : 192 pagine
  • ISBN-13 : 979-1280144072
  • Peso articolo : 268 g
  • Dimensioni : 12.85 x 1.22 x 19.84 cm

Gotico Italiano – Il vizio di Uccidere (Horti di Giano)

Se il fumetto si fonde al racconto nero, nasce “Gotico Italiano”
Un format innovativo che intreccia graphic novel e racconto nella stessa opera, in cui l’autore delle due vicende è lo stesso che ha realizzato la storia trasformata poi in sceneggiatura per il fumetto.
Gotico Italiano, edito dalle Edizioni Horti di Giano, è un Albo che vuole creare un ponte tra quelle
che sono le tradizioni culturali e folkloristiche della nostra splendida Italia, evidenziando un passato
che non dobbiamo mai dimenticare e l’attualità che emerge in chiave moderna, tangibile.
Il primo numero è disponibile dal 2 Febbraio 2021 sul sito dell’editore (www.hortidigiano.com),
in tutti gli store online, nelle librerie e nelle edicole.
Gotico Italiano sarà cadenzato in quattro uscite annuali, che cadranno in giorni particolari, legati all’aspetto misterico che ben si affianca e abbraccia la dimensione gotica.
Il primo numero uscirà il 2 febbraio, data che corrisponde alla nostra Candelora, la festa di fine inverno che, a cavallo tra il primo e il secondo giorno di febbraio, segna l’arrivo della primavera:
“Per la Santa Candelora, dall’inverno semo fora, ma se piove e tira
vento, dell’inverno semo drento!”
In questa prima uscita, che prende il nome Il vizio di uccidere, ci sarà un affascinante viaggio in un borgo fantastico, Rocca Piscopo, i cui edifici sono stati realizzati ispirandosi ai Sassi di Matera e a
Fossanova, con la sua splendida Abbazia gotica.
In particolare, riporteremo alla luce la figura del boia, un mestiere inquietante quanto carico di
suggestioni nere. Il boia che proponiamo in questo numero, prende il nome di Gioacchino De
Meo, che rappresenta l’essenza stessa del male e che si ricollega, nella storia, al famoso Mastro Titta
che, nella sua lunga e “prolifica” carriera, giustiziò più di cinquecento persone.
In tutti i volumi di Gotico Italiano, si parlerà anche di storie che contengono tematiche sociali
importanti.
Il racconto che si intitola Ritratto di donna sfregiata, ha un forte messaggio contro un problema
attuale e da non sottovalutare: la violenza di genere, ovvero quella violenza che racchiude tutte le
violenze che si fondano sulla differenza sociale tra uomo e donna.
Le Edizioni Horti di Giano intendono così lanciare un forte e sentito NO ALLA VIOLENZA SULLE
DONNE (e No alla violenza in generale), inserendo il logo della mano in ogni numero dell’Albo.
Sotto la supervisione del Direttore editoriale Simone Colaiacomo, il primo numero di Gotico
italiano è stato scritto da Salvatore Napoli e disegnato da Vincenzo Odore.
Gotico Italiano – Il vizio di uccidere è un graphic novel italiano, per gli amanti del fumetto e
per chi vorrebbe avvicinarsi a tale forma d’arte, accompagnandosi a una interessante lettura.
Horti di Giano vuole invitare i lettori a conoscere e visitare i gioielli urbani custoditi nel nostro
paese. La scelta è stata quella di rivalorizzare la bellezza della nostra Italia, con il patrimonio unico e
spettacolare che i nostri borghi, sempre più abbandonati e dimenticati, custodiscono.

CAMPAGNA ABBONAMENTI: abbonandoti a Gotico italiano entro e non oltre il 2 febbraio 2021, riceverai 4 numeri con sconto del 20%. Vai nel menu Contatti del nostro sito (www.hortidigiano.com) e scrivici nel modulo “Contatti”, indicando “Abbonamento annuale a Gotico italiano” e ti ricontatteremo per le modalità da seguire. 


Edizioni Horti di Giano – http://www.hortidigiano.cominfo@hortidigiano.com

8 Personaggi Per Aspera ad Astra di Federico Barbieri (Horti di Giano)

ESTRATTI: 


“Poteva essere chiunque, poteva aver preso il treno, perso la coincidenza e chiesto un passaggio. poteva aver fatto l’autostop addirittura.”


“Ero come in catalessi, ero totalmente sconvolto da non riuscire ad avere alcuna reazione. Lei era l’ultima persona che avrei pensato di trovare lì.


“Cercava invece una persona in grado di potersi esibire con qualsiasi tipo di animale acquatico, e con loro fare qualcosa che nessuno aveva mai osato fare prima.
Mi chiese se me la sentivo di affrotare una sfida del genere e naturalmente accettai, nonostante sul momento non avessi la benché minima idea di dove tale decisione mi avrebbe condotto.”

Attraverso le difficoltà fino alle stelle
Abbiamo conosciuto la fase della giovinezza.


Non ci resta che addentrarci in questa nuova storia, l’antitesi, che prende il nome di “maturità”.
Per aspera ad astra è il secondo capitolo della trilogia 8 Personaggi, nata dalla penna di Federico
Barbieri. Il romanzo di formazione il cui titolo tradotto dal latino significa “Attraverso le asperità
sino alle stelle”, racconta proprio le difficoltà che si celano nella crescita, ovvero nel passaggio dalla
giovinezza, raccontata da Paolo e Irene in C.R.E.P.P., primo volume della trilogia, alla maturità.
Il testo, edito dalle Edizioni Horti di Giano, sarà disponibile dal 15 gennaio 2021 sul sito
dell’editore (www.hortidigiano.com), in tutti gli store online e nelle librerie.
Attraverso differenti periodi della vita dei nostri protagonisti, si affrontano le dinamiche irreversibili che il tempo impone, nel suo inesorabile scorrere, su ogni persona.
Dopo aver conosciuto la tesi in “C.R.E.P.P.”, ora l’approccio filosofico che abbraccia questo romanzo si immerge nella seconda fase, l’antitesi, che, a modo suo, cerca di distruggere tutto quello che ciò che la ha preceduta ha faticosamente costruito. Ma non sempre l’antitesi confuta, a volte serve a dare
le conferme cercate.
Attraverso le vicende di Chiara e Roberto, fidanzati la cui esistenza si intreccia con altre vite che ne condizioneranno i destini, si potrà comprendere, forse, il segreto racchiuso nel mistero della vita. Siamo nella maturità, periodo in cui si dovrebbe compiere ciò per cui siamo destinati. Ma l’ordine
precostruito a volte lo si può modellare e adattare, rendendolo personale. Gli amori condizionano le scelte e la razionalità si presenta solo dopo, o tarda inesorabilmente, lasciando spazio al
solo istinto. Annibale è ancora la voce narrante che in vecchiaia raccoglie i ricordi degli amici, ritrovati in alcune lettere.
Per aspera ad astra è un romanzo di formazione adatto ai lettori che amano mettersi in gioco, riflettere sulla società e su se stessi. È un romanzo dalle tinte gialle che emoziona, commuove, devasta e ricostruisce, lasciando alla fine il suo segno indelebile.
Perché è proprio attraverso quelle difficoltà, quelle indesiderate crisi che, alla fine, maturiamo davvero.

Federico Barbieri

Federico Barbieri nasce a Spoleto (PG), si avvicina al mondo delle percussioni grazie al maestro
Mauro Presazzi, che lo fa debuttare con l’orchestra Filarmonica di Belfiore nei Carmina
Burana. Nel 2000, viene scelto come batterista per suonare alla Giornata Mondiale della
Gioventù; diviene insegnante e direttore dei tamburini della città di Spoleto. Come batterista
cambia diversi gruppi, fino ad approdare ai Vieux Carré, gruppo progressive italiano entrando con
l’album Eteronimie (2012) nel “Prog Archivies” tra i migliori 10 dischi d’Italia e tra i migliori 100
d’Europa di quell’anno. I Vieux Carré hanno suonato al Festival dei Due Mondi di Spoleto, e
hanno fatto da gruppo spalla a Caparezza. Collabora con molti artisti nell’ambito musicale ed
attualmente è il batterista della rock band Music Mood. È stato funzionario commerciale per la
Farago Sas, Agenzia della Toscana, Umbria e Liguria per l’Istituto della Enciclopedia Italiana e
responsabile per la casa editrice Vallecchi, storica casa del futurismo Italiano.
Pubblica il romanzo Storia di un incontro nel 2015 e 8 personaggi: C.R.E.P.P. a maggio 2020.
È direttore artistico dello spettacolo teatrale “La musica nel sangue” giunto alla sua IV edizione.


Dettagli prodotto Cartaceo: 12.86 euro

  • ASIN : B08S2YYBT2
  • Editore : Horti di Giano (4 gennaio 2021)
  • Lingua: : Italiano
  • Copertina flessibile : 230 pagine
  • ISBN-13 : 979-1280144119
  • Peso articolo : 408 g
  • Dimensioni : 15.24 x 1.47 x 22.86 cm

Blue Room Hotel di Roberto Monti (Horti di Giano)

I libri cartacei sono diventati illegali
Se cerchi una città dall’atmosfera cupa, i cui bassifondi sono stati dimenticati da tutti, dove gli
ultimi fanno paura alla polizia che non osa nemmeno avvicinarsi, allora devi attraversare i vicoli
di Tap Town. Se poi il sindaco vietasse la divulgazione dei libri cartacei, cosa ne sarà degli
scrittori divenuti fuorilegge?
Blue Room Hotel (Edizioni Horti di Giano), il romanzo noir di Roberto Monti, disponibile nello store online di Amazon e sul sito dell’Editore (www.hortidigiano.com), racconta di Tap Town, una città avvolta da una nebbia che nasconde le figure più disgraziate e spietate.
Se esistessero Gotham City e Sin City, infatti, a metà strada tra queste due incredibili città si troverebbe proprio Tap Town.
Il sindaco di Tap Town, Jasmine Brune, con un emendamento speciale, ha proibito l’utilizzo di carta e inchiostro a favore della pubblicazione digitale, unico strumento editoriale legale.
Come per ogni cosa, nell’oscurità vi è comunque chi, in modo clandestino, continua a scrivere sulla carta, sempre più difficile da reperire. Fra questi, Billy Ray è il più bravo, astuto e irraggiungibile di tutti gli autori.
Per debellare definitivamente gli scrittori di cartacei, il capo della polizia, Philipe Gore, organizza
rastrellamenti ovunque per sequestrare tutti i libri cartacei presenti in città, riuscendo a impedire anche l’importazione dai centri abitati limitrofi.
Oltre all’azione della polizia, diversi scrittori di cartacei vengono misteriosamente trovati uccisi e qualcosa li lega al più famoso albergo della città, il Blue Room Hotel.
Un alone di mistero o forse una maledizione circonda questo albergo; fatto sta che, se uno scrittore vi
mette piede, è condannato a morte certa.
Quando anche il decesso di Billy Ray sopraggiunge, conseguenze oscure per il destino dei libri e della carta prendono a materializzarsi.
C’è una stanza infatti nel Blue Room Hotel, la n. 14, che nasconde grandi segreti, e spetta forse ad Adam, un ex editore divenuto un senzatetto dopo l’emendamento, scoprire i segreti dell’albergo più importante di Tap Town?
Un noir che sfocia nel giallo, dal ritmo coinvolgente e dalle atmosfere cupe, dove i bassifondi la fanno da padrone, dove solo chi è invisibile riesce in qualche modo a sopravvivere. L’attuale diatriba tra cartaceo e digitale prende forma in un romanzo dal ritmo incessante, in grado da fare ragionare sull’importanza di un libro stampato, nonostante la velocità della vita attuale che ci spinge inesorabilmente verso le nuove tecnologie, forse in un viaggio di sola andata?
All’interno la prefazione della scrittrice Barbara Sarri.

Recensione

Oggi voglio parlarvi del libro “Blue Room Hotel” di Roberto Monti, una storia intensa, intrigante e con un finale inatteso.

Il sindaco di Tap Town, Jasmine Brune, con un emendamento speciale, ha proibito l’utilizzo di carta e inchiostro a favore della pubblicazione digitale, unico strumento editoriale legale. L’intero potere è nelle mani di Grant: l’unico editore digitale rimasto nella città.

In questo luogo la corruzione è il pilastro della società, c’è ancora chi crede a un mondo libero in cui la passione per i libri non possa tramutare mai.

Un bellissimo romanzo che tratta un tema che in realtà è già molto attuale: oltre alla corruzione della società, all’abbandono della cultura e dei valori morali, c’è il continuo evolversi al digitale e alla tecnologia.

Un libro di poche pagine con una trama stupenda e intricata.

Purtroppo, anch’io ho dovuto acquistare un lettore digitale, in quanto lo spazio a casa mia è limitato per i libri cartacei. Tuttavia, nessun eBook sostituirà mai un libro con una copertina cartonata e le pagine da toccare, annusare, apprezzare.

Stelle ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

Roberto Monti
Roberto Monti nasce a Voghera ma vive a Pavia. Classe ’83, nel 2002 vince alcuni concorsi letterari e
ottiene la pubblicazione dei suoi racconti su alcune antologie.
Crea l’universo narrativo La Casa di Bob, intraprende un viaggio che lo condurrà a far conoscenza con molti
bambini nelle scuole nel ruolo di Cantastorie, dando anche vita al Blog Papà in Fasce, dove racconta la
scoperta di quella che ha chiamato “Paposità”. Nel 2019 esce il suo primo romanzo noir Blue Room Hotel
(Edizioni Horti di Giano).

Edizioni Horti di Giano – http://www.hortidigiano.cominfo@hortidigiano.comhttp://www.facebook.com/edizioni.hortidigiano


Dettagli prodotto Cartaceo: 11.00 euro

  • Editore : Horti di Giano (13 agosto 2019)
  • Lingua: : Italiano
  • Copertina flessibile : 101 pagine
  • ISBN-10 : 8894443825
  • ISBN-13 : 978-8894443820
  • Peso articolo : 100 g
  • Dimensioni : 12.85 x 0.66 x 19.84 cm

Dettagli prodotto Ebook: 5.87 euro

  • ASIN : B07V69MC8W
  • Editore : Horti di Giano (5 agosto 2019)
  • Lingua: : Italiano
  • Dimensioni file : 778 KB
  • Utilizzo simultaneo di dispositivi : illimitato
  • Da testo a voce : Abilitato
  • Screen Reader : Supportato
  • Miglioramenti tipografici : Abilitato
  • Word Wise : Non abilitato
  • Lunghezza stampa : 75 pagine

Produco Veleno di Silvia Temponi (Horti di Giano)

Essere se stessi in un mondo che cambia
Alcuni ritengono che la poesia, nella sua forma più elevata, sia il frutto di esperienze di una vita e che
quindi non sia un’arte che coinvolge chi vive ancora nel cuore dell’adolescenza.
Niente di più sbagliato.
Produco Veleno è il titolo della prima raccolta di poesie di Silvia Temponi, giovanissima poetessa non
ancora maggiorenne, che entra nella famiglia della Casa Editrice Horti di Giano. Una raccolta che conduce il lettore a guardarsi dentro, a riconoscersi e, come una fenice, rinascere dalle proprie ceneri.
Disponibile dall’11 Dicembre 2020 sul sito dell’editore (www.hortidigiano.com) e in tutti gli store online e prenotabile nelle librerie.


“Siamo codardi.
Ridiamo e ci comportiamo
come se tutto andasse per il meglio.
Siamo codardi.
Incapaci di togliere le maschere,
fingiamo ogni giorno.
Siamo codardi.
Tutti attori e attrici
ma della propria vita
sempre comparse.”


In un periodo storico nel quale è più importante apparire che essere, dove non è possibile mostrare
le proprie debolezze e l’unica soluzione per esistere è omologarsi alla massa e nascondere tutto ciò
che può farci percepire come “diversi”, questa raccolta è un balsamo per l’anima, dedicata a tutte le
anime sensibili e ai cuori fragili, che contiene un messaggio: sensibilizzare le persone a guardarsi intorno, a calare le proprie maschere e cogliere i propri bisogni e i bisogni altrui.
E cercare di smentire Pirandello, quando diceva: “Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della
vita incontrerai tante maschere e pochi volti”.

Silvia Temponi


Silvia Temponi vive a Napoli e frequenta l’ultimo anno del Liceo delle Scienze Umane. Inizia a
scrivere prima sul web, tramite le piattaforme di Tumblr e Wattpad, riscuotendo un discreto successo.
Prima classificata in poesia alla ventitreesima edizione del premio internazionale “Emily Dickinson”
nella sezione giovani esordienti, decide di concretizzare la sua passione per la poesia con una raccolta.
“Produco Veleno” è la sua prima pubblicazione; una storia di evoluzione, di profonda crescita,
dedicata a tutti i cuori fragili.

Dettagli prodotto Cartaceo: 12.50 euro

  • ASIN : B08Q5H3N97
  • Editore : Horti di Giano (8 dicembre 2020)
  • Lingua: : Italiano
  • Copertina flessibile : 102 pagine
  • ISBN-13 : 979-1280144102
  • Peso articolo : 163 g
  • Dimensioni : 12.85 x 0.66 x 19.84 cm

La Foresta dei Fiori d’Acciaio di Anthony C. (Horti di Giano)

Il destino dell’umanità sulla linea di confine
Due regni vicini fisicamente, ma distanti anni luce: il Regno del Nord in una distopia corrotta ed
egoista, il Regno del Sud utopico che persegue obiettivi quali la condivisione e il sostegno del suo
popolo. Sono in guerra, eppure scopriranno una verità che va al di sopra delle loro convinzioni.
La Foresta dei Fiori d’Acciaio è il titolo del romanzo d’esordio di Anthony C., nuovo arrivato tra le
pubblicazioni della Casa Editrice Horti di Giano. Un fantasy che, attraverso un racconto verosimile
alla realtà di oggi, tratta argomenti spinosi sui quali tutti, prima o poi, siamo chiamati a riflettere.
Disponibile dal 7 Dicembre 2020 sul sito dell’editore (www.hotidigiano.com), in tutti gli store online
e nelle librerie nella sua versione italiana e in inglese dal 17 dicembre prossimo.
«In principio c’era l’oro, dopo l’oro venne l’argento, dopo di questo venne il rame e infine ci fu il ferro». Così inizia questa storia segnata da confini e differenze radicate, sulla linea di demarcazione che separa due Regni distanti per usanze, credenze, principi e moralità. Un’ucronìa che racconta un
futuro alternativo in cui qualcosa sta cambiando. Due Regni divisi da un’immensa foresta di metallo: la Foresta dei Fiori d’Acciaio, circondata da altissime mura e accessibile da otto portali, sorvegliati dai Reggenti. Ma la foresta si sta arrugginendo e una guerra è alle porte. I quattro Reggenti del Sud, durante il loro cammino scopriranno una verità che va al di là dei regni, dei loro ideali, delle sue pagine. Anthony C. ha magistralmente messo in scena la metafora dell’attuale situazione socio-politica i cui temi centrali (clima, economia, guerra, relazioni sociali), toccano quei punti che dovrebbero permettere al genere umano di far innescare la scintilla di una nuova consapevolezza.”
Un testo adatto a lettori di tutte le età ma che, attraverso una narrazione fantastica, li condurrà a
conoscere temi controversi quanto centrali della società di oggi.
Perché se comprendere è impossibile, conoscere è necessario.

Anthony C.


Anthony C. è nato nell’anno del Grande Fratello in una malfamata periferia di una grande metropoli.
Sin da piccolo ha mostrato la sua brama di sapere che lo hanno portato ad appassionarsi di scienza,
di storia, d’informatica, di cinema e ogni disciplina che potesse accrescere la sua conoscenza, sia
teorica che pratica. Tutto questo però senza mai seguire un percorso lineare, come il passare dalle
montagne scozzesi alle spiagge californiane per poi sostare nel Bel Paese.
È molto intollerante con gli stupidi, non sopporta la palese ipocrisia e detesta il sentimentalismo da
talk show.


Dettagli prodotto Cartaceo: 15 Euro

  • ASIN : B08P49Y7J9
  • Editore : Horti di Giano (29 novembre 2020)
  • Lingua: : Italiano
  • Copertina flessibile : 189 pagine
  • ISBN-13 : 979-1280144096
  • Peso articolo : 345 g
  • Dimensioni : 15.24 x 1.22 x 22.86 cm

Blood Red Paint di Roberto Monti (Horti di Giano)

Il caso dei writers si insinua tra i vicoli di Tap Town
Il caso dei graffitari continua e l’investigatore Thomas Hardy è chiamato a far luce su questo mistero, che prende vita nella nebbiosa e tenebrosa Tap Town.
Roberto Monti torna sotto i riflettori con Blood Red Paint, un nuovo romanzo noir/hard boiled
pubblicato dalla Casa Editrice Horti di Giano. Un poliziesco fuori dagli schemi, con una
rappresentazione realistica del crimine. Disponibile dal 4 dicembre 2020 sul sito dell’editore
(www.hotidigiano.com), in tutti gli store online e nelle librerie d’Italia.
“Tap Town non dorme mai sonni tranquilli. Il detective Thomas Hardy deve indagare sul caso dei writers, teppisti armati di bomboletta spray che imbrattano ogni superficie della città del
crimine. Per Hardy sembra quasi una punizione essere stato relegato su un caso di secondo piano, ma altri crimini si intrecciano alla sua indagine e lui, indirettamente, riesce a incrociare e confrontare le tracce a suo piacimento. Così la Street Art, costantemente sul confine tra arte e vandalismo,
diviene il centro di tutto in una cupa metropoli dell’illegalità, in cui ogni abitante ha sempre un proiettile col suo nome scritto sopra. Dall’autore di Blue Room Hotel, il secondo capitolo della
serie noir “I Delitti di Tap Town”, che sta conquistando i lettori del genere poliziesco per quel suo stile diretto e senza mezze misure che lo contraddistingue.”
Un testo adatto a lettori curiosi, amanti dei libri realistici pieni di indizi, per coloro che sono
sempre dalla parte della giustizia e sono disposti a scoprire la verità a tutti i costi, e anche per
chi ama la sorpresa e non dà nulla per scontato.
Un libro che ti lascerà attaccato alla pagina fino all’ultima riga!
Perché per Thomas Hardy i delitti di Tap Town non possono restare impuniti, ma si sa, nella città del crimine c’è sempre qualcuno che agisce nell’oscurità.

Roberto Monti

Roberto Monti nasce a Voghera ma vive a Pavia. Classe ’83, nel 2002 vince alcuni concorsi letterari
e ottiene la pubblicazione dei suoi racconti su alcune antologie.
Crea l’universo narrativo La Casa di Bob, intraprendendo un viaggio che lo condurrà a far conoscenza
con molti bambini nelle scuole nel ruolo di Cantastorie, dando anche vita al Blog Papà in Fasce, dove
racconta la scoperta di quella che ha chiamato “Paposità”.
Nel 2019 esce il suo primo romanzo noir Blue Room Hotel (Edizioni Horti di Giano), dopo il quale
ha preso il via la collaborazione con la casa editrice per realizzare anche un graphic novel incentrato
sulle atmosfere noir di Tap Town, che uscirà nel 2021

Home – Edizioni Horti di Giano


Dettagli prodotto Cartaceo: 14.25 Euro

  • ASIN : B08P3VKVQB
  • Editore : Horti di Giano (29 novembre 2020)
  • Lingua: : Italiano
  • Copertina flessibile : 192 pagine
  • ISBN-13 : 979-1280144072
  • Peso articolo : 268 g
  • Dimensioni : 12.85 x 1.22 x 19.84 cm

Il Macabro nel Sud Italia – Racconti sull’Innominabile di Marco Marra e Gerardo Spirito (Horti di Giano)

Boschi oscuri, custodi di segreti innominabili, paesini montani dimenticati dal tempo e abitati da pochi vecchi incastrati nel proprio bizzarro folklore, oniriche visioni di improponibili orrori. Streghe (o Janare che dir si voglia), presenze inquietanti, animali della notte che si aggirano nei boschi, fino a giungere ai bordi delle abitazioni, dimore antiche come gli dei venerati da chi ci abita. Sei racconti per un’ambientazione macabra inchiodata in un Sud Italia che regala suggestioni che rimarranno oltre la lettura. Perché certi riti, figure, eventi non si potranno mai dimenticare. Marra e Spirito hanno condensato egregiamente la letteratura weird in un moderno gotico italiano. Sembrerebbe un controsenso, ma una cosa è certa: dopo aver letto questi “Racconti sull’innominabile”, ascoltare una storia narrata dal nonno davanti a un vecchio focolare non sarà più la stessa cosa.

Recensione

Oggi voglio parlarvi del libro “Il Macabro nel Sud Italia – Racconti sull’Innominabile” di Marco Marra e Gerardo Spirito. Sei racconti intriganti che ti lasciano senza fiato. Sono scritti in modo scorrevole che tengono il lettore incollato alla storia dalla prima all’ultima pagina.

Sei racconti di streghe, presenze, animali della notte e presenze inquietanti.

Mi è piaciuto molto perché leggendo questo libro ho ripensato alle storie che raccontavano i nostri avi. Anche qui, sulle Alpi, questi racconti erano presenti nella testa dei nostri nonni e tramandati da generazione a generazione.

Consiglio!

Stelle ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️


Dettagli prodotto Cartaceo 12.57 euro

  • Peso articolo : 160 g
  • ISBN-13 : 979-1280144010
  • Copertina flessibile : 148 pagine
  • Dimensioni e/o peso : 12.85 x 0.94 x 19.84 cm
  • Editore : Horti di Giano (25 agosto 2020)
  • Lingua: : Italiano